La famiglia Piardi

La famiglia Piardi

La foto è relativa al quadro su tela, raffigurante Sant'Andrea Avellino, realizzato nel 1795 da F. Araldi e conservato a Cizzolo di Mantova.



Sant’Andrea Avellino è venerato dai Piardi a Cizzolo di Viadana di Mantova quanto da quelli in Valtrompia a Pezzaze (Brescia). In quest’ultima località la devozione al Santo risale al Settecento.
Molti componenti del Casato si chiamano Andrea in onore a Sant’Andrea Avellino. Quando Andrea non era il primo nome, lo era per il secondo.
Un attivo componente della dinastia, Achille Giovanni Piardi di Gussago (BS), ideatore e curatore del sito sulla famiglia (www.piardi.org) ci riferisce che è discendente da Francesco, Achille Domenico, Ernesto, Andrea (Pezzaze, 1799 – Gussago, 1854), Andrea (Pezzaze, 1767 – Gussago, 1843), conosciuto come Andrea Piardi di Pezzaze, capostipite della famiglia. Nel 2001 è nato Andrea Piardi di Emiliano, di Sergio, di Andrea, di Achille Domenico, di Ernesto, di Andrea, di Andrea (1767), di Andrea Piardi di Pezzaze.
A Pezzaze non vi fu famiglia in cui non vi fosse un componente di nome Andrea.

Il Consiglio di Valle Trompia (Brescia), il 27 giugno dell'anno 1747, dispose che in tutte le Parrocchie di Valle si venerasse la memoria del Santo Andrea.
Il 27 agosto dello stesso anno il Consiglio comunale di Pezzaze "delibera ogni anno di far celebrare una messa solenne ad onore del Santo A. Avellino nel giorno della sua festa, cioè lì 10 novembre per impegnar esso Santo ad intercedere da Sua Divina Maestà la preservazione delle morti improvvise che sovente accadono. (…)". (Tratto dal libro Consigli M. a Carte 179, Annali di Pezzaze a cura di Sac. P. Voltolino da Iseo).

29 aprile 2006