L’11 agosto verrà inaugurato un Museo sul Santo. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
Nuovo stemma del paese natale del Santo. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
Un articolo e un documentario sulla "Porta di bronzo" sono visibili sul portale.
Maggiori notizie nelle sezioni EVENTI e YOUTUBE.
Devozione per il Santo: testimonianza di un padre. Maggiori notizie nella sezione TESTIMONIANZE.
 
 
Email:   Password:  
 
 
 
 
 
Sei in » EVENTI
 
Dettaglio articolo
Folignano ritrova il Patrono Sant’Andrea Avellino
Ingrandisci

Celebrazione della Santa Messa

 

 

 

 

Con la partecipazione dei castronovesi, la comunità di Folignano (AP) da quest’anno ha ripristinato la tradizionale festa di fine aprile dedicata a Sant’Andrea Avellino, compatrono della cittadina.                                                                                         

Quest’anno, in occasione della ricorrenza del III anniversario della canonizzazione di Sant’Andrea Avellino - avvenuta il 22 maggio 1712 - la Parrocchia di San Gennaro, l’Associazione Terre di Confine e il Comune di Folignano hanno unito le forze per celebrare nel migliore dei modi il Santo patrono venerato nell’antichissimo borgo di San Benedetto. Cultura, folklore e celebrazioni religiose hanno caratterizzato il programma.

Sabato 28 aprile, il Comune di Folignano ha organizzato un convegno di studi volto alla conoscenza del Santo, grazie ai preziosi contributi forniti dalla delegazione giunta a Folignano dal paese natale di sant’Andrea Avellino, Castronuovo di Sant’Andrea (PZ).                                                                                                                                                                                                                                                             I lavori sono stati aperti dal sindaco di Folignano, Angelo Flaiani, che ha ribadito la ferma volontà dell’Amministrazione comunale di proseguire nelle attività di recupero della memoria storica del territorio, quale azione strategica che intende tramandare alle nuove generazioni valori e consuetudini troppo a lungo dimenticati.

Don Carlo Lupi, parroco della cittadina, si è complimentato con l’Amministrazione Comunale per l’evento proposto, esaltandone l’alto valore culturale. Ha ricordato che i tre compatroni, san Gennaro, sant’Andrea Avellino e san Cipriano hanno diverse cose in comune: san Gennaro e sant’Andrea Avellino sono accomunati dal fatto che il loro sangue è stato protagonista di eventi prodigiosi; san Cipriano e sant’Andrea Avellino sono protettori dei bambini. Infatti la maggior parte dei miracoli portati nella causa di canonizzazione del Santo teatino sono relativi a bambini.

La professoressa Erminia Tosti Luna ha incentrato il suo intervento sulle tracce più antiche relative al sito di San Benedetto di Folignano: un luogo la cui memoria, attestano i documenti, permane da circa mille anni; ma la sua origine potrebbe essere ben più remota. È stato proiettato, inoltre, un documentario di Nicola Arbia che ripercorre la vita di Sant’Andrea Avellino, dalla giovinezza, alla maturazione vocazionale, alle opere in favore dei bisognosi, alla sua attività di maestro dei Novizi, alla direzione spirituale mediante la corrispondenza, con migliaia di lettere indirizzate ai potenti dell’epoca affinché mutassero il proprio agire per andare in soccorso ai meno fortunati, ai trattati ad indirizzo teologico.

Don Domenico Martino si è soffermato, con spiccata capacità divulgativa sul Trattato della Speranza, scritto da Sant’Andrea, toccando il tema di una rinascita, la resurrezione che il cristiano auspica ed attende con fiducia nel totale affidamento alla misericordia di Dio. Il giovane sacerdote, in un intervento che è stato molto apprezzato dai presenti per i toni appassionati e sentiti, ha elogiato il sito di San Benedetto di Folignano, quale piccola oasi di pace che favorisce l’incontro con il Creatore.
Toccante l’intervento del presidente della Pro Loco, Pierino Ruberto che ha anche donato alla parrocchia una tela raffigurante la statua lignea del Santo conservata a Castronuovo.

Il Vicesindaco, Romeo Graziano, ha letto una relazione di Nicola Arbia, impossibilitato a partecipare alle manifestazioni, ripercorrendo le principali fasi che hanno portato padre Andrea prima alla beatificazione e poi alla canonizzazione

Domenica 29 aprile, la Santa Messa officiata da Don Domenico ha dato l’avvio ufficiale al programma religioso e civile che nel pomeriggio è proseguito con i giochi in piazza e gli stand gastronomici. Nel tardo pomeriggio, nel corso della solenne processione, numerosi ragazzi, insieme alla delegazione di Castronuovo, hanno portato la statua di Sant’Andrea Avellino per le strade del Borgo. Don Domenico, invece, ha portato in processione una reliquia del Santo.

Nell’omelia di chiusura don Domenico ha richiamato i valori fondanti dell’essere cristiano: la concretezza del Vangelo da vivere e non soltanto da annunciare, sull’esempio dei santi che sono per ciascuno di noi un punto di riferimento saldo, anche grazie ai numerosi miracoli che aiutano a rafforzare la fede.                            In serata la musica popolare e tradizionale ha allietato la festa.

Grande soddisfazione per la piena riuscita della manifestazione è stata espressa dal parroco don Carlo, dal presidente dell'Associazione Terre di Confine, dall'Assessore al Patrimonio Storico e Culturale del Comune di Folignano Daniele Ricciotti e dal vice Sindaco Samuele D'Ottavio.

La delegazione di Castronuovo di Sant’Andrea ha messo in risalto la cordialità con la quale la comunità di Folignano li ha accolti e l’ha ringraziata per condividere la devozione per il Santo castronovese. Il sentimento che maggiormente è emerso nei castronovesi è stato quello di riscoprire questi bei luoghi e di instaurare, con questa comunità, un rapporto di amicizia e di condivisione per una nuova testimonianza dell’insegnamento del  Santo e del grande patrimonio teologico che ci ha affidato.

Per l’occasione, dai castronovesi sono stati donati diversi libri su S. Andrea (Bibliografia, Compendio della Vita, Lancellotto Avellino, S. Andrea Scrittore, Trattati dell’Umiltà e della Speranza) sia al Parroco sia ai rappresentanti dell’Amministrazione. La Pro Loco di Castronuovo, per il tramite del presidente Pierino Ruberto, oltre al quadro su tela donato alla Chiesa, ha consegnato due riproduzioni della stessa statua al Sindaco e all’Assessore.

 

15 maggio 2012

 

 
 
Processione
Processione
Processione
Processione
Convegno
 



 
 Foto Gallery
 
 Contatti
 
 Logo
 
 News
Festa di agosto alla Contrada Terzo
Il 13 agosto il Santo si festeggia alla Contrada Terzo. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
13/08/2017
Riapre la chiesa di San Gaetano di Bitonto
Il 2 agosto ha riaperto a Bitonto la chiesa di san Gaetano. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
05/08/2017
Museo della Vita e delle Opere di sant’Andrea Avellino
L’11 agosto 2017, nel paese natale del Santo verrà inaugurato il Museo della Vita e delle Opere di sant’Andrea Avellino. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
05/08/2017
Bruno Conte legge sant’Andrea Avellino
Il 27 luglio l’artista Bruno Conte legge scritti del Santo. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
27/07/2017
Festa al paese del Santo
Il 21 maggio a Castronuovo di Sant’Andrea ci sarà la tradizionale “festa di maggio” per il Santo.
21/05/2017
Festa de "il territorio"
Il 12 maggio a Monasterace si onora il Santo con la festa de "il territorio".
12/05/2017
Pasqua nel paese del Santo
Fede e arte nella Pasqua a Castronuovo di Sant’Andrea. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
12/04/2017
Un fatto sorprendente
Testimonianza di un padre che ha vissuto un’esperienza legata alla devozione per sant’Andrea Avellino. Maggiori notizie nella sezione TESTIMONIANZE.
12/04/2017
Due serate per il Santo
Il 27 e il 28 dicembre, nella Chiesa Madre del Paese natale del Santo, ci saranno delle manifestazioni a lui dedicate. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
25/12/2016
Sant'Andrea Avellino figlio di Castronuovo
Sant’Andrea Avellino figlio di Castronuovo Il Consiglio Comunale del paese del Santo ha deliberato la modifica dello stemma, inserendo un motto per ricordare che il Santo è un suo figlio. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
20/12/2016
 
In Evidenza
      Al posto del vecchio portone di legno della Cappella dove nacque Lancellotto Avellino è stata installata una porta di bronzo dell’artista lucano Antonio Masini, legato a Castronuovo da una frequentazione trentennale.L’idea di realizzare la porta è pa...
In qualità di sacerdote, Don Andrea aveva a disposizione un mezzo efficacissimo per essere d’aiuto ai suoi fratelli nelle necessità dello spirito e in quelle che riguardavano l’indirizzo e lo svilu...
Nel 1602, quando aveva 82 anni, Don Andrea fu colto da un malore che gli procurava una febbre altissima. L’infermiere per rinfrescargli la bocca gli somministrava dei pezzetti di pesca. Passata l’i...
 


CMS-solution powered by CyberNET