Sant’Andrea Avellino figlio di Castronuovo. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
Un articolo e un documentario sulla "Porta di bronzo" sono visibili sul portale.
Maggiori notizie nelle sezioni EVENTI e YOUTUBE.
Devozione per il Santo: testimonianza di un padre. Maggiori notizie nella sezione TESTIMONIANZE.
 
 
Email:   Password:  
 
 
 
 
 
Sei in » EVENTI
 
Dettaglio articolo
Il Natale nel paese del Santo
Ingrandisci

 

 

 

Sabato 10 dicembre 2016, a Castronuovo di Sant’Andrea, paese che diede i natali a sant’Andrea Avellino, a partire dalle ore 16,30 e fino alle prime luci dell’alba, sarà possibile rivivere la magia della nascita di Gesù Bambino attraverso una fedele ricostruzione del Natale lucano in una iniziativa che coniugherà arte, cibo, musica e folclore in maniera inedita e innovativa, promossa dal Museo Internazionale del Presepio "Vanni Scheiwiller" con la collaborazione della Pro Loco, della Parrocchia, delle associazioni di volontariato e dell'Amministrazione Comunale di Castronuovo di Sant'Andrea.
Lo scenario dell'evento sarà il rione Manca, il suggestivo centro storico di Castronuovo di Sant'Andrea, sede del Museo del Presepio intitolato al grande editore milanese che, dal 2014, offre ai sempre più numerosi visitatori un vero e proprio tuffo nel passato attraverso la scoperta, durante un percorso di visita guidata, di antiche abitazioni, stalle, grotte e cantine rimaste immutate nel tempo, custodi di oggetti della civiltà contadina e di oltre 200 presepi di diversa fattura e provenienza che consentono, a quanti decidono di avventurarsi in questo tour, di effettuare un inusuale giro nel mondo fatto attorno alla culla del Bambino.
Il Natale, a Castronuovo di Sant'Andrea, ha avuto sempre una grande importanza, non soltanto dal punto di vista religioso. In passato, la sollecitazione era provocata dall’allestimento, con mesi di anticipo, del grande presepe napoletano del XVI-XVII secolo in dotazione della Chiesa Madre che coinvolgeva bambini e anziani, pronti nella ricerca di pietre, piante, muschio, bacche, pungitopo, agrifoglio e quant’altro fosse necessario a renderlo unico. Al presepe, e alla notte del 25 dicembre, era strettamente legata, da parte dei pastori locali, la produzione di zufoli di canna e salice decorati con segni a fuoco, da regalare ai bambini che, alla nascita del Bambino, portato poi in una lunga processione in chiesa, avrebbero intonato il “Tu scendi dalle stelle….” e li avrebbero rotti…sulle teste di chi, nel lungo corteo, si trovava davanti, al seguito dello zampognaro.
Sulla scorta di questi ricordi agli inizi degli anni Ottanta è nato, proprio a Castronuovo di Sant’Andrea, un circuito itinerante di presepi d’artista che nel 2014 ha portato alla nascita del Museo Internazionale del Presepio “Vanni Scheiwiller”. L'arte presepiale troverà in occasione del Natale 2016 uno speciale connubio con l'arte culinaria, attraverso un'accurata selezione delle pietanze natalizie lucane più succulenti, da gustare lungo il percorso di visita a passo di tarantella e al ritmo della zampogna, in un clima di allegria e di festosità capace di rievocare atmosfere, profumi, sapori e suoni di altri tempi. Lungo il percorso di visita ai presepi che avrà come punto di partenza lo spazio antistante la chiesa madre di Santa Maria della Neve, nella quale si terrà la cerimonia inaugurale alle ore 16,30 con la proiezione in anteprima del film “Vanni Scheiwiller piccolo grande editore” (prodotto da Metamorphosi, curato da Laura Novati) e la presentazione dell’immagine-guida di quest’anno, dovuta a Pericle Fazzini al quale è dedicata la grande mostra del periodo festivo, sarà possibile degustare alcuni piatti tipici della tradizione lucana. Percorrendo i vicoli e attraversando gli archi del rione ancora medievale, sarà d'obbligo fermarsi in spazi preventivamente individuati per assaporare alcuni prodotti del periodo invernale, ricette salate e dolci, il tutto innaffiato dal buon vino prodotto dai vigneti lucani. All'interno delle case più caratteristiche del rione, delle comparse abbigliate con costumi tradizionali mostreranno i metodi di preparazione di alcune pietanze: le orecchiette e i fusilli verranno preparati, con raschietto, ferretto e dita veloci, sulle apposite spianatoie; le crespelle saranno fritte al momento in calderoni di olio bollente riposti sui focolari accesi; gli antichi forni, con pagnotte e dolci appena introdotti, inebrieranno e riscalderanno gli ambienti suggerendo il calore di una volta. Nelle case, tavole imbandite e abbellite con preziose tovaglie ricamate da mani sapienti, piatti di terracotta e prosperini, rievocheranno il pranzo di Natale di una volta, quando una stanza non era mai troppo piccola per accogliere tutti i membri di una grande famiglia. Nella fucina il martello ricomincerà a battere sull'incudine e il fuoco plasmerà nuovi arnesi, lavorando in simbiosi con il falegname che sarà già all'opera nella sua bottega. E nelle stalle del rione Manca ritorneranno anche gli animali, le mangiatoie si riempiranno di fieno e qualche porcellino d'india sbucherà al di sotto di qualche letto. Nelle cantine, il profumo dell'uva da poco raccolta preannuncerà la dolcezza del vino novello, mentre l'Osteria di Concetta a' Tammurr riaprirà i suoi battenti per far trascorrere nuove serate in allegria. Per i vicoli il suono degli organetti e delle zampogne del Pollino, confondendosi con la melodia dell'arpa di Viggiano e le più chiassose bottiglie percosse, sudelline e totarelle, suggeriranno aria di festa e inviteranno a gioire par la nascita del Bambinello. Dai balconi, i bambini reciteranno le poesie natalizie in dialetto, mentre nella grande Piazza delle Case cadute un falò porterà scintille verso il cielo, ceste colme di caldarroste, rosoli e liquori fatti in casa.   
Un vero e proprio presepe animato e autentico, dunque, farà da sfondo ad un'iniziativa unica nel suo genere e capace di evocare antiche memorie, quelle derivanti dalla cultura agro-pastorale, primordio della storia di ogni paese della Lucania e ancora viva nei riti, nei gesti e nelle tradizioni attuali.
Per l'occasione, l’intero “paese dei presepi” sarà coinvolto nel periodo natalizio. Nuovi allestimenti rinnoveranno il percorso itinerante del Museo Scheiwiller, a partire dalle antiche e nuove cappelle: Cappella di S. Maria delle Grazie (XVI-XVII sec., situata alla base meridionale del paese), Cappella dell’Immacolata o S. Maria la Stella (sec. XVII-XVIII, in via Roma), Cappella di S. Andrea Avellino (sec. XVI, calata S. Andrea), Cappella di S. Filippo Neri (sec. XIX, Rione Manca), che ospiteranno i presepi d’artista allestiti su un tavolo del diametro di tre metri, tra cui il Presepe - pastorale di Giuseppe Salvatori appositamente realizzato per il Natale 2016, e dal Castello Marchesale che, appena entrati nel cortile, presenta, incastonata nel muro, una Natività in pietra del XVII secolo.
Un modo per arrivare al MIG. Museo Internazionale della Grafica già immersi nel tema del Natale, prima di incamminarsi in un saliscendi di vicoli che intrecciano una sorta di trama di segni, luci, colori, suoni, sapori, profumi, gesti che sembrano aver fermato il tempo per guardare al futuro.

Per Info e prenotazioni, sempre consigliabili: 0973-835014 o 3462295237 
 

 
 


 
 Foto Gallery
 
 Contatti
 
 Logo
 
 News
Sant’Andrea Avellino figlio di Castronuovo
Il paese natale del Santo ha un nuovo stemma. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
13/10/2017
Il paese del Santo: terra di confino politico
Il paese natale del Santo è stato luogo di confino politico. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
15/09/2017
Serata della cultura nel paese del Santo
Il 19 agosto nel paese del Santo ci sarà la tradizionale serata della cultura. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
18/08/2017
Festa di agosto alla Contrada Terzo
Il 13 agosto il Santo si festeggia alla Contrada Terzo. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
13/08/2017
Riapre la chiesa di San Gaetano di Bitonto
Il 2 agosto ha riaperto a Bitonto la chiesa di san Gaetano. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
05/08/2017
Museo della Vita e delle Opere di sant’Andrea Avellino
L’11 agosto 2017, nel paese natale del Santo verrà inaugurato il Museo della Vita e delle Opere di sant’Andrea Avellino. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
05/08/2017
Bruno Conte legge sant’Andrea Avellino
Il 27 luglio l’artista Bruno Conte legge scritti del Santo. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
27/07/2017
Festa al paese del Santo
Il 21 maggio a Castronuovo di Sant’Andrea ci sarà la tradizionale “festa di maggio” per il Santo.
21/05/2017
Festa de "il territorio"
Il 12 maggio a Monasterace si onora il Santo con la festa de "il territorio".
12/05/2017
Pasqua nel paese del Santo
Fede e arte nella Pasqua a Castronuovo di Sant’Andrea. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
12/04/2017
 
In Evidenza
      Al posto del vecchio portone di legno della Cappella dove nacque Lancellotto Avellino è stata installata una porta di bronzo dell’artista lucano Antonio Masini, legato a Castronuovo da una frequentazione trentennale.L’idea di realizzare la porta è pa...
In qualità di sacerdote, Don Andrea aveva a disposizione un mezzo efficacissimo per essere d’aiuto ai suoi fratelli nelle necessità dello spirito e in quelle che riguardavano l’indirizzo e lo svilu...
Nel 1602, quando aveva 82 anni, Don Andrea fu colto da un malore che gli procurava una febbre altissima. L’infermiere per rinfrescargli la bocca gli somministrava dei pezzetti di pesca. Passata l’i...
 


CMS-solution powered by CyberNET