La contrada Terzo festeggia Sant’Andrea Avellino

La contrada Terzo festeggia Sant’Andrea Avellino

La processione alla Contrada Terzo
 
 
 
 
 
 
Come ogni anno, in occasione del rientro in paese degli emigranti, c’è stata la festa di agosto per Sant’Andrea Avellino.

Il 12 sera la statua del Santo è stata portata, seguita da una lunga fila di automobili,  dalla piccola cappella della contrada Terzo al paese, vicino alla “Madonnina” in località Giardino, dove dal 21 maggio 2006 è stata messa una bella statua in bronzo dedicata a Sant’Andrea Avellino, opera dello scultore Marco Santoro di Potenza. Da qui è partita la processione che ha attraversato le principali strade del paese e che si è conclusa nella Chiesa Madre di Castronuovo.

Il 13 mattina, alle ore 10, l’urna contenente le sacre spoglie del Santo è stata portata in processione al centro del paese (località San Rocco), per essere poi trasferita, con un’automobile appositamente attrezzata, in contrada Terzo.

Qui, i fedeli hanno atteso le spoglie del loro Santo, che hanno salutato poi con fervore e devozione.

Alle 11.30, don Adelmo Iacovino ha celebrato la Santa Messa nella cappellina del Terzo.

 

Alla cerimonia religiosa erano presenti i membri della centenaria Congrega di Sant’Andrea Avellino con il loro gonfalone, le suore, e molte ragazze e bambine che indossavano il tradizionale costume di Castronuovo.

L’amministrazione comunale era presente con il sindaco Antonio Bulfaro, il vice sindaco Maria Olimpia Graziano, gli assessori e molti consiglieri. Sull’evento vigilavano i Carabinieri e la Protezione Civile.

Sia il 12 che il 13 agosto, alle cerimonie era presente il cav. Alessandro Di Pierro che, subito dopo la prima “peregrinatio” delle Spoglie di Sant’Andrea Avellino nel suo paese natale (1970), volle realizzare in contrada Terzo, su terreno di proprietà della moglie Luisa Cosentino, una piccola cappella votiva all’aperto, adornata da un pregevole altare, dono del dott. Gaetano Vita. La realizzazione avvenne nel 1973, sul progetto offerto dall’ing. Italo Zaccara.

 

Dopo la cerimonia religiosa don Adelmo e il Sindaco hanno voluto ringraziare il cav. Di Pierro per la realizzazione di questo piccolo santuario, donato alla Chiesa del paese e ai fedeli, consegnandogli la copia di una lettera di Sant’Andrea Avellino da poco restaurata e custodita nel Museo dedicato al Santo.

 

In serata le spoglie del Santo sono state riportate nella Chiesa Madre.
 
Nicola Arbia
14 agosto 2007