Partenza delle sacre spoglie da Napoli

Partenza delle sacre spoglie da Napoli

 L'urna contenente le sacre spoglie di Sant'Andrea Avellino, nella Basilica di San Paolo Maggiore di Napoli

 
 
Il 5 maggio, alla presenza di una folta delegazione di castronovesi provenienti da Roma, dalla Campania, da Roma e da Castronuovo di Sant’Andrea, paese natale di Sant’Andrea Avellino, guidata dal parroco don Adelmo Iacovino, dal sindaco Antonio Bulfaro, dal presidente della pro-loco Romeo Graziano e da alcuni membri della Congrega Sant’Andrea Avellino, padre Carmine Mazza, Preposito della Basilica di San Paolo Maggiore di Napoli, ha presieduto la cerimonia della partenza delle reliquie del Santo per Monasterace (RC).

 

Dopo una funzione religiosa, il parroco della cittadina ionica, don Pietro Romeo e un rappresentante del Comune, alla guida della delegazione calabrese, hanno formalmente preso in consegna le sacre spoglie ed alcuni oggetti del Santo (ampollina con il sangue; calice; spazzola; le chiavi della sua stanza) e, alle 11, scortati dalla polizia sono partiti per la Calabria.
 

Monasterace, tappezzata di fiori, con i balconi adornati con coperte e bandierine, ha accolto in modo solenne il suo Patrono, Sant’Andrea Avellino.

Sono seguite le previste cerimonie di accoglienza e di preghiera.

 

07 maggio 2007