Nuovo stemma del paese natale del Santo. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
Un articolo e un documentario sulla "Porta di bronzo" sono visibili sul portale.
Maggiori notizie nelle sezioni EVENTI e YOUTUBE.
 
 
Email:   Password:  
 
 
 
 
Dettaglio articolo
Scritti di S.Andrea Avellino
Ingrandisci

I

 

 

Altri precedentemente si sono occupati della bibliografia avelli­niana. I testimoni dei Processi di Beatificazione e Canonizzazione e i primi biografi spesso fanno allusione alle fatiche di scrittore che soste­neva Andrea Avellino[2].

Il primo catalogo degli scritti del nostro Santo lo troviamo in una deposizione del P. Valerio Pagano, archivista della Casa teatina di S. Paolo Maggiore, fatta nei Processi di Napoli del 1621:

« ... nel medesimo Archivio [di S. Paolo Maggiore in Napoli] si conservano un libretto di mano di detto P. D. Andrea del timore e de la speranza, composto dal medesimo P. D. Andrea ...

« ... ci sono anco alcuni altri manuscritti da esso P. D. Andrea composti, che trattano della vita spirituale sotto diversi titoli, delli quali ne consegno la nota ut infra. Un Tomo di Prediche Quadrage­simali. Un Tomo di Prediche Annuali. Tre tomi di lettere spirituali scritte a diversi Cardinali, Prelati, Titolati, et altre persone private; in cinque epistole di quelle scrive uno trattato del dispreggio del mondo alla sig.ra Principessa di Parma, e di Piacenza, et in nove epistole all'istessa un trattato dell'obbligo di servire a Dio, come anco ve ne sono molte dirette al Serenissimo Principe Ranuccio Farnese, hora Duca di Parma. Un Trattato intitolato Essercitio spirituale utile per conoscere il peccato, con alcuni opportuni rimedij per purgare l'anima da vitij. Un trattato sopra il salmo 118: Beati immaculati in via. Uno trattato sopra l'epistola di S. Paolo ad Romanos. Un trattato sopra le parole dell'Apostolo S. Paolo nel 3° capo ad Colossenses. Un trattato sopra il salmo [45]: Deus refugium noster et virtus. Un trat­tato sopra la Salutatione Angelica: Ave Maria. Un trattato [sopra il] libro secondo del Maestro delle Sentenze. Un trattato sopra l’oratione Dominicale: Pater noster. Un trattato sopra l’evengelio di S. Luca al cap. 6: descendens Jesus de monte. Un trattato sopra li sette doni dello Spirito Santo. Un trattato intitolato: Discorso utilissimo sopra le parole del Signore: Diliges Dominum Deum tuum etc. Un trat­tato [dell'obbligo] che ha l'huomo di servire a Dio. Un trattato del SS.mo Sacramento dell'Altare. Un trattato, nel quale si ragiona della divina clemenza, et della fruttuosa penitenza. Molti altri trattati pic­colini sopra l'oratione, et altre materie divote; quali trattati si veggono per lo più nello fine di essi notati con la revisione del revisore de’ nostri, et dell'Arcivescovado, e de' nostri, et il P. D. Antonio Carac­ciolo, ciò credo facesse il servo di Dio parte per farli stampare, et parte per sottoporli alla correttione di qualcheduno prima che li pub­blicasse»[3].

Nel 1624 si pubblicò per la prima volta un elenco degli scritti dell'Avellino in un compendio della sua vita di autore anonimo. Que­st'elenco coincide quasi in tutto con quella che si ha nella citata de­posizione del P. Pagano[4].

L'anno seguente, 1625, Francesco Bolvito, CR., pubblicando la vita dell'Avellino vi inserì una nota dei suoi scritti[5].

Nel 1656, lo storiografo dei Teatini, Giuseppe Silos, nel voI. II della sua Historia Clericorum Regularium pubblica lo stesso elenco del Bolvito[6]. Dieci anni più tardi, nel 1666, lo riproduce, con qualche altra indicazione, nel voI. III della stessa opera[7].

Tutti questi elenchi risultano assai incompleti, specialmente quelli del Bolvito e del Silos[8].

Notizie più ampie ed accurate si trovano nell'opera del P. An­tonio Francesca Vezzosi, I Scrittori de' Cherici Regolari detti Teatini, pubblicata nel 1780. Il Vezzosi elenca tutti gli scritti dell'Avellino pub­blicati fina ai suoi giorni ed aggiunge altri dati intorno ad alcune opere inedite[9].

Più recentemente si sono occupati degli scritti del nostro Santo i Bollandisti, nel vol. IV del mese di Novembre, pubblicato nel 1925[10], e Giuseppe De Luca nell'articolo sull'Avellino apparso nel vol. I del Dictionnaire de Spiritualité[11].

L'edizione degli scritti spirituali di S. Andrea Avellino non fu fatta, salvo poche eccezioni, che dopo quasi centoventicinque anni dalla sua morte, e cioè nell' edizione delle Lettere e delle Opere com­plete, in 7 volumi, in Napoli dal 1731 al 1734.

 



 


 



[2]Il primo biografo di S. Andrea Avellino fu il P. Giovanni Battista Castaldo, il quale, nel 1613, in Napoli, pubblicò: Della vita del Padre Don Andrea Avel­lino, chierico regolare, breve relatione; al cap. 12 (in Opere I, 21) circa l'attività di scrittore del nostro Santo scrive: «Egli stesso oltre la frequenza de' sermoni che faceva à penitenti, cercava di giovar loro con qualche scritto, e perciò rubbava sempre qualche parte di tempo à se stesso massime la notte, et attendeva à scriver diversi trattati spirituali, e n'ha lasciati molti, che sono stimati da per­sone dottissime, che contengono gran dottrina e lume per l'anime, e si conservano in S. Paolo. A gli assenti giovava con sue lettere spirituali, nelle quali si vede uno spirito grande».

[3]Neapolitana Canonizationis Servi Dei don Andreae Avellini ... Processus Re­missorialis ... in Civitate Neap. fabricatus Anno 1621, Ms. A.G.T., copia la, fol. 30lr-v. Altro revisore teatino delle opere manoscritte dell'Avellino fu il P. Raf­faele RasteIIi; le seguenti parole di una sua deposizione giurata ci confermano l'intenzione del Santo di pubblicare i suoi scritti; «A dì 14 di febraro 1609. In Roma nel Monasterio di S. Silvestro si fa fede per me Don Raffaele Rastelli delli Chierici Regolari come molti anni sono la santa memoria del P. D. Andrea vecchio havendo dato a far l'indice alle sue opere spirituali ad un Padre de' nostri che all'ora stava nella nostra casa di Vico mi richiese che io le vedessi come uno della cognitione dell'Indice dell'Ill.mo Sig. Cardinal Acquaviva Arcivescovo di Napoli e perciò fù determinato che andassimo tutti dui a Vico ... ». Dichiarazioni di testimoni nel voI. Extra Processum, Ms. A.G.T., fol. 23r.

[4] Compendio della vita e miracoli del Beato Andrea Avellino, Cherico Regolare (Napoli 1624) 110-111.

[5]F. BOLVITO, C.R., Beati Andreae Avellini ... Vita  (Neapoli 1625) 206.

[6]SILOS, II, 221.

[7]  Id., III, 526-527.

[8]Nell'elenco pubblicato dal SILOS, III, 526-527, mancano; l) le prediche quaresimali; 2) le prediche annuali; 3) 1'essercitio spirituale; 4) il trattato della fruttuosa penitenza; 5) il trattato sopra il 3o capo dell' epistola di S. Paolo ai Co­lossesi; 6) il trattato dell’obbligo di servire a Dio, che invece si trovano elencati nella deposizione del P. Valerio Pagano e nel Compendio della vita del 1624.

[9]VEZZOSI, I, 70-78.

[10]Acta Sanctorum, Nov. IV, 609-623.

[11] G. DE LUCA, art. S. André Avellin, in «Dictionnaire de Spiritualité», I (Paris 1932) 551-554.

 
 
18 giugno 2007
 
 
 
 
 


 
 Foto Gallery
 
 Contatti
 
 Logo
 
 News
Due serate per il Santo
Il 27 e il 28 dicembre, nella Chiesa Madre del Paese natale del Santo, ci saranno delle manifestazioni a lui dedicate. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
25/12/2016
Sant'Andrea Avellino figlio di Castronuovo
Sant’Andrea Avellino figlio di Castronuovo Il Consiglio Comunale del paese del Santo ha deliberato la modifica dello stemma, inserendo un motto per ricordare che il Santo è un suo figlio. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
20/12/2016
Natale nel paese del Santo
Il 10 dicembre, a Castronuovo di Sant’Andrea, inizieranno le manifestazioni del Natale lucano. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
09/12/2016
Festa di novembre del Santo
Quest’anno, a Castronuovo di Sant’Andrea, la festa di novembre per il Santo ci sarà dal 3 al 6 novembre. Il 7 novembre terminerà la Peregrinatio. Maggiori notizie nella sezione PEREGRINATIO 2016.
04/11/2016
Annullo filatelico a Castronuovo di Sant’Andrea
Il 5 novembre, in occasione della IV Peregrinatio, nel paese natale del Santo ci sarà un annullo filatelico. Maggiori notizie nella sezione PEREGRINATIO 2016.
29/10/2016
Serata della cultura 2016
il 14 agosto, a Castronuovo di Sant’Andrea, ci sarà la tradizionale “serata della cultura”. Maggiori notizie nella sezione PEREGRINATIO 2016.
13/08/2016
Festa di agosto
Oggi, a Castronuovo di Sant’Andrea, c’è la tradizionale festa di agosto nella contrada Terzo. Maggiori notizie nella sezione PEREGRINATIO 2016.
13/08/2016
Traslazione delle spoglie del Santo
Il 10 agosto 2016 le spoglie del Santo sono state trasferite al suo paese natale. Maggiori notizie nella sezione PEREGRINATIO 2016.
11/08/2016
Andrea Avellino, Santo di Basilicata
Il 10 agosto 2016 le spoglie del Santo ritorneranno nel suo paese natale. Maggiori notizie nella sezione PEREGRINATIO 2016.
09/08/2016
Padre Gaetano Rossell
Quattro anni fa, il 12 agosto 2012, il padre teatino Gaetano Rossell y Clivellers, sostenitore delle attività del portale e nostro amico, tornò alla casa del Padre. Lo ricordiamo con grande commozione.
04/08/2016
 
In Evidenza
      Al posto del vecchio portone di legno della Cappella dove nacque Lancellotto Avellino è stata installata una porta di bronzo dell’artista lucano Antonio Masini, legato a Castronuovo da una frequentazione trentennale.L’idea di realizzare la porta è pa...
In qualità di sacerdote, Don Andrea aveva a disposizione un mezzo efficacissimo per essere d’aiuto ai suoi fratelli nelle necessità dello spirito e in quelle che riguardavano l’indirizzo e lo svilu...
Nel 1602, quando aveva 82 anni, Don Andrea fu colto da un malore che gli procurava una febbre altissima. L’infermiere per rinfrescargli la bocca gli somministrava dei pezzetti di pesca. Passata l’i...
 


CMS-solution powered by CyberNET