Una tovaglia per l’altare maggiore

Una tovaglia per l’altare maggiore

Rosetta Graziano consegna la tovaglia a padre Carmine Mazza

 
 
 
 
 
 

Da oggi l’altare maggiore della Basilica di San Paolo Maggiore di Napoli è stata arricchito con un’artistica tovaglia, dono da Rosetta Graziano.

Stamattina, infatti, Rosetta Graziano è venuta  da Castronuovo di Sant’Andrea, insieme a Rosa D’Amelio, ed ha consegnato la tovaglia a padre Carmine Mazza, preposito della Basilica.

Nello scorso mese di novembre la castronovese ebbe l’idea di adornare l’altare maggiore della Basilica per rendere più bello il sacro luogo dove riposano le venerate spoglie di sant’Andrea Avellino, il più illustre concittadino.
 

La tovaglia, in puro lino, lunga 242 cm e larga 123 cm stata realizzata da un gruppetto di signore.

Il punto a giorno è stato eseguito da Rosa Costantino, una veterana nel settore, per aver lavorato a molte altre tovaglie e da Esterina Fortunato. Il disegno delle parole del salmo pronunciate dal Santo, Salirò all’Altare di Dio, è stato fatto da Ida Masi; mentre il ricamo e il rintaglio sono opera di Annalisa Osvaldo. Con loro ha collaborato anche Giovanna Appella.

Sul retro della tovaglia, in un angolo, è riportato A DEV. DI ROSA GRAZIANO – CASTRONUOVO DI S.ANDREA A.D. 2007.

La tovaglia verrà benedetta e messa sull’altare per tutto l’Anno Santo Avelliniano il prossimo 3 maggio, quando tutta la Diocesi di Tursi – Lagonegro si recherà in solenne pellegrinaggio a Napoli, per rendere omaggio a sant’Andrea Avellino, sotto la guida del vescovo Francesco Nolè.

In tale occasione, i castronovesi la sera parteciperanno alla tradizionale “processione delle statue” per seguire il seicentesco busto d’argento del Santo teatino, nono patrono di Napoli, custodito nella Cappella del tesoro di San Gennaro.

 

Nicola Arbia

 

05 aprile 2008