Il maestro Carannante parla del Santo

Il maestro Carannante parla del Santo

Il maestro Giuseppe Carannante mentre dirige.
 
 
 
 
 
 
 
 
 

In uno degli ultimi numeri del periodico POZZUOLI MAGAZINE è stata pubblicata un’intervista al maestro Giuseppe Carannante, direttore dell’Orchestra Sant’Andrea Avellino.

 

Il periodico mette in evidenza che, come spesso accade, il maestro “è più conosciuto all’estero che nel proprio paese”. Inoltre riporta la notizia che il prossimo 24 marzo, ilmaestro Carannante è stato invitato a dirigere l’ACCADEMIA CHAMBER ORCHESTRA “Harmonia Nobile” in Ucraina. Il concerto prevede l’esecuzione di musiche di Brahms e Dvorak e, in prima assoluta, verrà eseguita una fantasia concertante per violoncello e archi composta dal maestro Carannante.

 

Nell’occasione il maestro parla di sant’Andrea Avellino, al quale è intitolata l’Orchestra, del suo paese natale e di come si è avvicinato al Santo.

 

Parlando delle musiche dedicate a sant’Andrea Avellino, e da lui studiate ed eseguite con la sua giovane orchestra, il Maestro afferma che “curare la trascrizione e la partitura di opere scritte secoli fa da altri uomini è qualcosa di magico. È davvero un’emozione fortissima. È come far rivivere una parte di loro, ridare vita alle loro idee e ai loro sentimenti, quindi mi sono sentito molto coinvolto da tutta la situazione”.

 

1 marzo 2009