Sant’Andrea Avellino figlio di Castronuovo. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
Un articolo e un documentario sulla "Porta di bronzo" sono visibili sul portale.
Maggiori notizie nelle sezioni EVENTI e YOUTUBE.
Devozione per il Santo: testimonianza di un padre. Maggiori notizie nella sezione TESTIMONIANZE.
 
 
Email:   Password:  
 
 
 
 
 
 
Dettaglio articolo
La Via Crucis nel paese natale del Santo
Ingrandisci

 

 

La terza stazione della Via Crucis

 

 

 

Venerdì 6 aprile 2012, alle ore 18.30 e alle ore 23.00, nelle antiche strade di Castronuovo di Sant’Andrea, per iniziativa della Pro Loco, si rinnova l’incontro arte-fede: un artista contemporaneo interpreta gli episodi della storia degli ultimi giorni di Gesù e scandisce con il suo lavoro la processione che da centinaia di anni attraversa il paese e ha il suo momento più emozionante nell’incontro del Figlio morto con la Madre, rappresentati da due statue in cartapesta del XVIII secolo conservate nella Chiesa Madre.

La processione notturna si caratterizza per il fatto di essere riservata solo agli uomini.

Sant’Andrea Avellino ha affrontato molte volte il tema della Passione del Signore, specialmente nei Sermoni quaresimali, et annuali …., dove, tra l’altro, così scrive:

Considera peccatore, che tutte le creature mostrano segno di dolore per la morte del Salvatore, il Sole si oscura, la terra si muove, le pietre si spezzano, il velo del tempio per tutto si squarcia, le sepolture si aprono, solamente il cuor tuo stà duro. Ecco Cristo tuo per te flagellato, per te spine coronato, per te schernito, per te crocifisso, per te da tutti schernito, e di fele, e aceto abbeverato, per te finalmente spassionato, e morto, per dar la vita eterna ai peccatori.

Castronuovo, entrata fin dal 1981 nel giro delle città che fissano l’appuntamento pasquale con l’arte, attraverso una particolare Via Crucis, dimostra quanto sia importante confermare questa tradizione di un’esperienza così esaltante come quella di porsi di fronte al mistero della Passione.                                                            Dopo Fazzini, Strazza, Dal Molin Ferenzona, Masi, Ricci, Lorenzetti, Cerone, Santoro Janich, Pirozzi, Scorcelletti, Pulsoni, Guida, Masini e tanti altri, le quattordici stazioni della passione, quest’anno, sono di uno scultore nato a Napoli ma residente a Roma: Alberto Timossi, che le ha realizzate in terracotta policroma, ognuna di 55 cm x30 cm. 

È lo stesso Timossi a descriverle:

“Non avevo mai pensato di dedicarmi alla realizzazione di una Via Crucis; lavorarci mi ha consentito di entrare nella dimensione dei temi legati alla tradizione e condivisi. Non facile dopo anni di lavoro teso verso una ricerca su materiali e forme particolari (il cilindro, il tubo e il PVC), e l’attenzione rivolta allo spazio urbano.  La Via Crucis doveva essere connotata da un mio segno di riconoscimento, il piano modificato con l’impronta dei tubi, ma doveva anche essere descrittiva e fedele al “testo”, per essere riconosciuta dai fedeli. Questo compito di sintesi mi ha consentito di tornare alla lavorazione della creta, mia grande passione, anche se dismessa da anni, e di considerare la tradizione della scultura, soprattutto quella sacra, e la più didascalica in tal senso, quella medievale che si esprime attraverso le forme narrative dei mesi, o le storie della Genesi (formelle sui duomi di mezza Europa).

Dal punto di vista tecnico, sapendo che le Stazioni vanno esposte all’aperto e vanno viste durante la notte, ho teso a rendere la figurazione nel modo più semplice possibile, con cifre di riconoscimento chiare (Cristo e Croce sempre indissolubili e dello stesso colore; le figure di contorno più evanescenti; i solchi ritmici atti a rendere una cadenza temporale; il fondo monocromo). Questo tentativo di semplicità, se sono riuscito a ottenerlo, mi è stato anche obbligato dai riferimenti ai rilievi romanici, dove ogni segno è un simbolo ed è necessario, e dove la chiarezza del messaggio deve prevalere sulla decoratività dell’immagine.                               Per alcuni mesi, la preparazione della Via Crucis mi ha fatto sentire meno isolato nel mio studio, perso nei miei ragionamenti, e più inserito nella comunità degli scultori che si misurano con la storia”.

Alberto Timossi (Napoli 1965), si è formato all’Accademia di scultura di Carrara. Vive e lavora a Roma, dove insegna al Liceo artistico.

 Fra le principali mostre personali figurano: “Festival”, Galleria Artivisive, Roma; “Simple Dialogues”, Plaza Gallery, Tokyo, 1997; “Anywhere”, Centro per l’arte contemporanea Trebisonda, Perugia, 2005; “Innesti”, Fondazione Pastificio Cerere, Roma, 2006; “Parti del discorso”, Associazione culturale Tralevolte, Roma, 2008; “Partitura urbana” Archivio Crispolti, Roma, 2009; “This is not a pipe”, Casa dell’architettura, Acquario Romano, Roma, 2010; “Accento in rosso”, Torre Civica di Pomezia, 2012.

Fra le collettive: “Periplo della scultura italiana contemporanea 2” Chiese Rupestri, Matera, 2000; “Mixed Media”, Plaza Gallery, Tokyo, 2000; ”BNL, una banca per l’arte oltre il mecenatismo, giovani artisti all’inizio del nuovo millennio”, Chiostro del Bramante, Roma; “Premio giovani scultura 2002”, Accademia Nazionale di S. Luca, Roma; “4°Giornata del Contemporaneo”, MUSMA, Museo della scultura, Matera, 2008; “Premio Basi”, cava di Roselle, Grosseto, 2011;“Aquaquae, Premio arte Rugabella”, Castano Primo (Milano); “Le scosse dell’arte”, Muspaq, Museo d’arte sperimentale, L’Aquila, 2011.

In collaborazione con Simone Pappalardo, ha partecipato con sculture sonore ad alcuni festival di musica elettronica (“Emufest”, Conservatorio Santa Cecilia di Roma, nel 2009  e nel 2011 e “Le forme del suono”, Conservatorio Ottorino Respighi di Latina nel 2011). Hanno scritto del suo lavoro i più noti critici d’arte italiani e stranieri.

La Via Crucis, dopo la processione, rimarrà esposta, fino al 12 maggio, in S. Maria La Stella, con orario 17-20.

Si ricorda che una visita in paese, oltre alla Casa Natale di Sant’Andrea Avellino, rende possibile l’ingresso gratuito al MIG (Museo Internazionale della Grafica – Biblioteca Comunale “Alessandro Appella”), dove sono esposte le incisioni dell’artista impressionista Auguste Renoir e, in controcanto, quelle di Franco Gentilini, oltre alla conoscenza delle opere di Consagra, Maccari, Strazza, Guida, Masini e delle targhe commemorative che ricordano il passaggio di Leonardo Sinisgalli, Manlio Rossi-Doria, Albino Pierro, Dinu Ademesteanu, Rocco Mazzarone.

Per informazioni e appuntamenti ci si può rivolgere alla Pro Loco:                       - Piazza C. Zaccara, 4                                                                                                     - tel. 0973.835484 – 336472813                                                                                     - mail: prolococastronuovo@tiscali.it

 4 aprile 2012

  

 
 


 
 Foto Gallery
 
 Contatti
 
 Logo
 
 News
Sant’Andrea Avellino figlio di Castronuovo
Il paese natale del Santo ha un nuovo stemma. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
13/10/2017
Il paese del Santo: terra di confino politico
Il paese natale del Santo è stato luogo di confino politico. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
15/09/2017
Serata della cultura nel paese del Santo
Il 19 agosto nel paese del Santo ci sarà la tradizionale serata della cultura. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
18/08/2017
Festa di agosto alla Contrada Terzo
Il 13 agosto il Santo si festeggia alla Contrada Terzo. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
13/08/2017
Riapre la chiesa di San Gaetano di Bitonto
Il 2 agosto ha riaperto a Bitonto la chiesa di san Gaetano. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
05/08/2017
Museo della Vita e delle Opere di sant’Andrea Avellino
L’11 agosto 2017, nel paese natale del Santo verrà inaugurato il Museo della Vita e delle Opere di sant’Andrea Avellino. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
05/08/2017
Bruno Conte legge sant’Andrea Avellino
Il 27 luglio l’artista Bruno Conte legge scritti del Santo. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
27/07/2017
Festa al paese del Santo
Il 21 maggio a Castronuovo di Sant’Andrea ci sarà la tradizionale “festa di maggio” per il Santo.
21/05/2017
Festa de "il territorio"
Il 12 maggio a Monasterace si onora il Santo con la festa de "il territorio".
12/05/2017
Pasqua nel paese del Santo
Fede e arte nella Pasqua a Castronuovo di Sant’Andrea. Maggiori notizie nella sezione EVENTI.
12/04/2017
 
In Evidenza
      Al posto del vecchio portone di legno della Cappella dove nacque Lancellotto Avellino è stata installata una porta di bronzo dell’artista lucano Antonio Masini, legato a Castronuovo da una frequentazione trentennale.L’idea di realizzare la porta è pa...
In qualità di sacerdote, Don Andrea aveva a disposizione un mezzo efficacissimo per essere d’aiuto ai suoi fratelli nelle necessità dello spirito e in quelle che riguardavano l’indirizzo e lo svilu...
Nel 1602, quando aveva 82 anni, Don Andrea fu colto da un malore che gli procurava una febbre altissima. L’infermiere per rinfrescargli la bocca gli somministrava dei pezzetti di pesca. Passata l’i...
 


CMS-solution powered by CyberNET